leadership

Leadership, ripartire dai valori

From Values to Action: The Four Principles of Values-Based Leadership Book Cover From Values to Action: The Four Principles of Values-Based Leadership
Leadership
Jossey-Bass
2011
224
Leadership basata sui valori significa saper motivare e ispirare gli altri a perseguire il bene comune, “il cambiamento positivo che può essere operato all’interno di un team, di un reparto, di una divisione, di un’organizzazione così come a livello globale”. Lo sostiene Harry Kraemer, della Kellogg School of Management della Northwestern University, autore del libro From Values to Action.

In un articolo su Forbes, Kraemer sostiene che “diventare un ottimo leader non significa emulare modelli o figure storiche. La leadership deve essere radicata in ciò che si è e in quello che si considera più importante. Quando conosciamo davvero noi stessi e ciò che rappresentiamo, è più facile sapere come comportarsi in ogni situazione. Basta fare ciò che si ritiene giusto, con il massimo impegno”.

I valori di ciascuno di noi non sono che “attitudini interiorizzate, che riguardano ciò che è giusto e sbagliato, etico e non etico, morale e immorale”. Esempi di valori in un leader possono essere la correttezza, l’onestà, l’uguaglianza , la lealtà , il progresso, il pragmatismo, l’eccellenza, la cooperazione.

Nel suo libro, Kraemer descrive quattro principi di leadership basata sui valori:

  1. Riflessività. Prendetevi il tempo per fare un passo indietro e vedere il quadro generale. Riflettete su ciò che è importante per voi e sul motivo per cui lo considerate tale.
  2. Equilibrio. Abituatevi a valutare e a capire tutti gli aspetti di un problema. Guardate le cose in modo olistico.
  3. Autentica fiducia in se stessi. Imparate a riconoscere che cosa sapete e che cosa non sapete. Siate a posto con voi stessi, accettate i vostri punti di forza e di debolezza e sforzatevi di migliorare.
  4. Sincera umiltà. Non dimenticate mai da dove venite e come siete arrivati dove siete ora. Rendetevi conto che “non si è né migliori né peggiori di chiunque altro [ e ] che è bene rispettare tutti allo stesso modo e non trattare nessuno in modo diverso solo in virtù di un titolo professionale”.

Martin Luther King non è stato solo un esempio di leadership trasformazionale, ma anche di leadership basata sui valori. Ha insegnato ai suoi seguaci a superare maltrattamenti quotidiani, discriminazioni e difficoltà, per lavorare per il bene comune. È stato un esempio di uguaglianza, umanitarismo, progresso, pragmatismo, eccellenza e cooperazione. Ha impersonato le qualità di un leader trasformazionale: 1) ha ispirato gli altri con la sua capacità di inquadrare i suoi messaggi in modo significativo, 2) ha collegato la sua visione di uguaglianza e di giustizia con le difficoltà personali della gente, 3) ha dimostrato alle persone di essere interessato a loro e di apprezzarle e 4) ha messo l’accento su alti valori morali ed etici dimostrando al contempo impegno personale e spirito di sacrificio. Ma è soprattutto attraverso la sua forte e radicata leadership basata sui valori – usare manifestazioni nonviolente per protestare contro la disuguaglianza razziale – che è diventato il simbolo del movimento per i diritti civili negli Stati Uniti.

Conclude Kraemer: “Oggi c’è una diffusa sfiducia nella leadership, nelle imprese come nei governi, nelle scuole e in ogni organizzazione. I leader sono chiamati a riguadagnare fiducia e a saperla conservare. La leadership basata sui valori non è forse un rimedio per tutti i mali che ci affliggono, ma è senz’altro un buon punto di partenza”.

Michele Riva

Ha diretto per quindici anni i libri di economia e management del Sole 24 Ore. È stato direttore responsabile de L'Impresa. È consulente di aziende e case editrici per la creazione di progetti editoriali tradizionali e digitali. Ha fondato e diretto la casa editrice milanese Serra e Riva Editori e ha lavorato alla divisione libri della Mondadori.

Lascia un Commento

x

Guarda anche

sharma

Robin Sharma: l’importanza di non piacere agli altri

Tutti i visionari sono stati ridicolizzati prima che venerati. Un leader deve distinguersi, anche a costo di non essere apprezzato (non subito, almeno)