Scrivere bene, in poche parole, secondo Ogilvy

Nessun manuale di stile ha mai messo in pratica il consiglio di essere concisi meglio di quanto abbia fatto David Ogilvy, il padre della pubblicità moderna, che il 7 settembre 1982 inviò ai suoi collaboratori un promemoria di duecento parole scarse intitolato “How to Write” (Come scrivere). La nota era diretta a tutti i dipendenti di Ogilvy & Mather, la famosa agenzia pubblicitaria fondata da Ogilvy più di trent’anni prima. È reperibile nel libro The Unpublished David Ogilvy: A Selection of His Writings from the Files of His Partners ed è riproposta dal sito Lists of Note. Il libro citato al primo punto è Writing That Works: How to Communicate Effectively in Business, di Kenneth Roman e Joel Raphaelson, un classico del business writing.

Ecco la nota di Ogilvy:

Scrivete bene e farete più carriera in Ogilvy & Mather. Chi pensa bene scrive bene.

Chi ha le idee confuse scrive note confuse, lettere confuse e discorsi confusi.

La scrittura non è un dono naturale. A scrivere bene si impara. Ecco 10 consigli:

  1. Leggete il libro di Roman e Raphaelson sulla scrittura. Leggetelo tre volte.
  2.  Scrivete come parlate. In modo naturale.
  3. Usate parole brevi, frasi brevi e paragrafi brevi.
  4. Non usate mai parole gergali come riconcettualizzare, demassificazione, attitudinalmente, giudizialmente. Sono il marchio di fabbrica degli sciocchi e dei presuntuosi.
  5. Non scrivete mai più di due pagine su un argomento.
  6. Controllate le citazioni.
  7. Non spedite mai una lettera o una nota lo stesso giorno in cui l’avete scritta. Leggetela a voce alta il mattino dopo – e a quel punto correggetela.
  8. Se si tratta di un documento importante, chiedete a un collega di migliorarlo.
  9. Prima di spedire una nota o una lettera, accertatevi che risulti assolutamente chiaro che cosa vi aspettate venga fatto dal destinatario.
  10. Se volete AZIONE, non scrivete. Andate dall’interessato e ditegli che cosa volete.

David

Michele Riva

Ha diretto per quindici anni i libri di economia e management del Sole 24 Ore. È stato direttore responsabile de L’Impresa. È consulente di aziende e case editrici per la creazione di progetti editoriali tradizionali e digitali. Ha fondato e diretto la casa editrice milanese Serra e Riva Editori e ha lavorato alla divisione libri della Mondadori.

Lascia un Commento

x

Guarda anche

Quanto guadagna un amministratore delegato

Le retribuzioni fisse e variabili dei vertici delle maggiori società quotate italiane analizzate nello studio annuale di Mercer